Entra in negozio

Formazione sul turismo responsabile

Il corso RAM di Formazione - base sul Turismo Responsabile. Un weekend intensivo

 

 

 

I contenuti

 

Dopo centinaia di interventi sul TR realizzati dai primi anni novanta ad oggi (nelle scuole, nelle botteghe del mondo, in università e Master, o chiesti da enti pubblici e privati) RAM ha confezionato un approccio originale per introdurre il tema complesso del Turismo di qualità nella sua declinazione ‘Responsabile’, che utilizza sia tecniche interattive che lezioni frontali: cioè fotografie, video, power point, simulazioni di viaggio ed eventuali uscite di verifica sul campo.

 

 

RAM offre un Modulo-Base, con due giorni di esposizione intensiva all’argomento. Utile sia per gli addetti ai lavori che per coloro che vi si accostano per la prima volta. 

 

Si parte esplorando gli ambiti più diversi del significato del viaggio, della mobilità, del turismo: prendendo le mosse dall’approccio casuale alla vacanza, quello che ha un appeal incondizionato sulla maggior parte dei consumatori, ed arrivando ad una visuale più articolata e complessiva - necessariamente critica poiché informata ed etica. Si parla soprattutto, comunque, di come mettere in pratica le cose – cioè di come scegliere vitto alloggio e trasporti di proprietà locale, dell’arte dell’incontro, di tempo a disposizione, di riduzione del proprio impatto. Di come viaggiare davvero. Perché viaggiare è un piacere. Se non è buono, che piacere è?

 

 

Naturalmente non si esce, dopo due giorni di esposizione intensiva a queste idee, trasformati in luminari del Turismo Responsabile. Però si toccano, senza peli sulla lingua, i parametri essenziali della questione (purtroppo tanti dei Master fatti in giro, ambiziosi e costosi, non posseggono franchezza ed incisività, anche se magari fanno balenare la proposta di stage o susseguenti assunzioni: si resta lontani dal vero Turismo Responsabile). I seminari di RAM - non promettiamo nient'altro - possono essere un inizio significativo. Un buon tassello per cominciare a costruire il know-how di cui uno ha bisogno in proposito, anche se ciò va corroborato con l’esperienza di prima mano.

 

 

 

 

Le modalità di effettuazione del corso

 

Affinchè un Corso possa essere effettuato è necessario che disponga di almeno 8 iscritti. Coloro che desiderano iscriversi devono prenotarsi mandando una mail o telefonando. Riceveranno una risposta in tempi brevi, quindi il loro nome verrà conservato fino al momento in cui non si profili, su un dato weekend, un numero sufficiente di partecipanti – il che normalmente si verifica ogni tre/quattro mesi. Allora verranno ricontattati per finalizzare la loro iscrizione formale, che si attua versando un anticipo di metà della quota.

 

 

 Renzo Garrone, il formatore di questo corso – affiancato a volte da Marta Di Cesare, oppure da Sergio Cabras - ha scritto quella sorta di enciclopedia del TR italiano che è “Turismo Responsabile/Nuovi Paradigmi per Viaggiare in Terzo Mondo”, il libro che ha introdotto l’argomento nel nostro paese (l’edizione attuale, ampliata e per vasti tratti riscritta, è stata ripubblicata nel 2007 da RAM per la terza volta).

 

 

Nostri – di RAM – sono anche una serie di ulteriori contributi didattici al tema: per esempio con l’approccio a gite scolastiche impostate diversamente, precedute da una preparazione in aula con insegnanti e ragazzi (vedi in questo sito sotto Gite Scolastiche).
Garrone ha per esempio realizzato, nel 2002, “Per un Turismo Scolastico nuovo e responsabile”, un libro edito per De Agostini, che affronta il fenomeno degli interve
nti sul TR nelle scuole e delle gite scolastiche dei ragazzi, due facce della stessa medaglia.

 

 

Successivamente, ha presieduto la Commissione Formazione di AITR, tra 2005 e 2006: un Tavolo di lavoro che ha avuto un iter travagliato, e ha realizzato solo una piccola parte dell’enorme lavoro che ci sarebbe da fare, pur avendolo individuato con una certa chiarezza.

 

 

La formazione che oggi RAM offre a tutti voi si è dunque arricchita negli anni, attraverso una serie di preziosi confronti, ma nota bene: di base, si tratta delle stesse cose che ripetiamo da un quindicennio. Insomma, è quanto abbiamo sempre fatto, semplicemente perfezionato in modo assiduo.

 

 

 

 La sede del corso

 

La sede del corso è in Liguria, presso la sede di RAM ad Avegno, a 25 km da Genova e a 6 da Camogli. Bisogna pagarsi un pernotto, che RAM garantisce presso un monastero, oppure in pensioni locali. Se qualcuno per vitto e alloggio è in grado di far da sè, magari a casa di amici in zona, va benissimo. Il costo del seminario è di 90 euro netti a persona, cui va aggiunto il costo del pernotto (45 euro a persona), e una cena per chi vuole.

 

 

In alternativa, sempre con un minimo 8 persone paganti che deve mettere insieme il committente, il corso può tenersi anche presso la sede dell’organismo richiedente – nel qual caso saranno da aggiungere vitto, alloggio e trasporto del formatore RAM.

 

 

Il corso si avvale di materiale didattico originale: la collezione di foto “Sguardi sul Turismo”, i video “Check Out” e Your Place or Mine”, i volumi “Turismo Responsabile”, “Povero Outgoing”, “Turismo Scolastico”, usati come manuali.

 

 

 

 Il programma

 

1. Presentazione del formatore, di RAM organismo promotore del corso, e dei partecipanti.

 

 

2. Per rompere il ghiaccio: riflessione interattiva sul grande fenomeno di viaggi, turismo e mobilità internazionale. Si lavora alcune ore attraverso fotografie scelte.

 

 

3. Viaggi e turismo quali grande fenomeno multidisciplinare, cui cioè contribuiscono molteplici attività: trasporti, accoglienza, ristorazione, mediazione culturale, pubblicità, comunicazioni, ecc. Definizione di turismo per l’OMT. Viaggi e turismo: il settore dell’economia mondiale che cresce più in fretta. L’accelerazione dagli anni 50 a oggi, gli arrivi internazionali che passano da 25 a 900 milioni. Creazione di lavoro: viaggi e turismo che occupano ben oltre 200 milioni di persone in tutto il mondo, ma spesso in modo precario. I principali mercati di provenienza e destinazione. Chi viaggia? Chi se lo può permettere. L’altra faccia della medaglia turistica è l’immigrazione a caccia di lavoro.

 

 

4. Psicologia e motivazioni del turismo: il suo appeal, il consumatore, l’industria e la sua propaganda. I viaggi più richiesti: per svago o ricreazione; ma cresce ogni tipo di turismo. Al top sole, mare e riposo. Boom di crociere, villaggi turistici, poi turismo culturale, turismo etnico, turismo religioso, eccetera. Ma cosa c’è dietro la voglia di viaggiare? Turismo significa oggi possibilità di evasione immediata. Massiccia è la propaganda dell’industria turistica, che contrappone l’esotismo a un quotidiano spesso stressante, ripetitivo, noioso.

 

 

5. I padroni del vapore. Anche se la maggior parte delle aziende del settore sono piccole imprese, il grande business è in mano a Catene alberghiere, Tour Operators, compagnie aeree, banche, costruttori di aerei, produttori di pubblicità e di sistemi informatici. Aziende principalmente multi e trans-nazionali. Il turismo quale grande mercato. L’industria turistica e la sua comunicazione omologata. Agenzie di viaggi, tour operator, la crescita del viaggio indipendente, il low cost, i servizi acquistabili via internet. Il turista è un consumatore. Gli accordi GATS: con il diritto internazionale globalizzato si consuma l’attentato alle residue sovranità locali.

 

 

6. L’impatto ambientale, socioculturale ed economico del turismo. Le patologie del fenomeno turistico.

 

 

7. Breve storia dei movimenti di critica del turismo, e dei punti salienti della critica stessa. Dagli anni cinquanta ad oggi, dall’antropologia alle ong europee, a TEN, all’evoluzione italiana con AITR. La storia di AITR, pregi, limiti, contraddizioni, rimandi.

 

 

8. E’ possibile un Turismo Responsabile? Quali criteri (nella teoria) e quali regole (nella pratica) per viaggi migliori? Centralità della comunità ospitante. Dimensione umana. Dimensione economica più equa. Dimensione tempo a disposizione. Dimensione ambientale sostenibile. Turismo e mondo animale.

 

 

9. Come si organizzano i viaggi di Turismo Responsabile nella pratica: il lavoro del Tour Operator RAM Viaggi.

 

 

10. Il mediatore culturale di Turismo Responsabile.

 

 

11. Come diffondere il turismo responsabile tramite una Bottega del Mondo. Il Progetto Sportelli

 

 

12. Turismo Responsabile a scuola: il fenomeno del Turismo Scolastico. Come realizzare un intervento, prima nella teoria in aula e poi nella pratica, realizzando uscite (Gite Scolastiche) sul territorio.

 

 

 

 Nota bene: alcuni di questi segmenti sono “espandibili” in Moduli che occupano ciascuno una intera giornata, cosa che si verifica di frequente, e che può verificarsi su richiesta. Appartengono a questa schiera ad esempio, in particolare i Moduli dei punti 7/9/10/11/12.

 

 

 

Per iscriversi a un corso di Formazione RAM

Scrivi a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. , oppure a  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Telefona allo 0185 799087, presso la sede RAM di Avegno (Genova).